Dr. Hauschka

Mercorella canina

Sinonimo: Mercorella comune
Nome botanico: Mercurialis perennis L.
Famiglia: Euphorbiaceae (Famiglia dell’Euforbia)

Habitat originario

La pianta amante dei luoghi ombrosi e calcarei, si trova in Europa Centrale, Eurasia, Nord Africa e nel Mediterraneo in boschi decidui e boscaglie ricche di erbe

Ingredienti

Sebbene la pianta intera è considerata leggermente tossica, specialmente nel periodo di maturazione dei frutti, non ci sono rapporti di avvelenamento tra gli esseri umani. Negli animali l’ingestione di grandi quantità può portare a danni al fegato e al rene. I sintomi sono perdita di appetito, posizione curvata del collo, apatia e colorazione rossa-blu delle urine

Descrizione

In primavera, la mercorella canina è una delle prime piante a irrompere attraverso l’oscurità della terra in umidi, ombrosi faggeti e vallate boschive attraversate da fiumi e a volgere i suoi steli di un verde ancora pallido verso la luce. Poiché le parti esterne della pianta hanno origine dal rampicante rizoma intrecciato, la mercorella cresce sempre a macchia. Predilige luoghi attraversati da corsi d’acqua. I piccoli fiori poco appariscenti di questa pianta dioica sono di colore verde giallognolo e fioriscono da aprile a maggio. Come con tutte le piante dioiche, i fiori maschili e i fiori femminili si trovano su piante separate. L’intera pianta è già preformata sottoterra, persino le foglie e i fiori. Non appena i gambi piegati cominciano a spiegarsi, questa “pianta spirituale” sembra riempirsi sempre più di vita e la forma materiale della pianta è realizzata. All’inizio le foglie si stringono vicino allo stelo dalle quattro facce della giovane pianta compatta. Successivamente, crescendo, le dentellate foglie lanceolate si sviluppano e mostrano le loro splendenti lamine verde-blu.

Usi

La mercorella canina fu già utilizzata in medicina ai tempi di Ippocrate nel V e IV sec. a.C. Venne utilizzata per lungo tempo per curare i dolori mestruali ed altri disturbi femminili. Negli erbari del Medio Evo l’uso degli infusi veniva raccomandato per idropisia, stipsi, catarro bronchiale, inappetenza, reumatismi e gotta. In omeopatia qualche volta viene usata l’essenza in caso di dolori reumatici. Nella medicina tradizionale un infuso preparato dalla pianta fresca era popolare come lassativo e diuretico. Oggi giorno la pianta fresca non viene più utilizzata per queste indicazioni a causa del suo effetto altamente irritante. 

Fatti interessanti

Nel Mediterraneo la pianta veniva associata a Mercurio, il dio della guarigione, da qui entrambi i suoi nomi botanico e volgare. Anche i nordici Teutoni tenevano in gran considerazione la mercorella e la dedicavano al dio Norvegese Wotan/Odino. Nel Medio Evo la mercorella veniva utilizzata negli unguenti delle streghe. Secondo un’antica formula, questi contenevano le seguenti nove erbe: papavero, verbena, mercorella, semprevivo maggiore, ruta rampicante, eliotropio, mercuriale, belladonna e il cappuccio di monaco.

Un’altra speciale caratteristica è il comportamento del colore della mercorella canina. La componente hermidina viene trasformata in una tinta blu, rossa o marrone secondo il processo a cui è sottoposto. Mentre la sua eliminazione colora l’urina di rosso, le parti della pianta diventano di un blu intenso quando essiccate. A causa di questo colore blu intenso,in passato la mercorella era considerata anche indaco. La mercorella durante il processo di essiccazione sviluppa anche un odore leggermente sgradevole.

La pianta osservata diversamente

La natura mutevole della pianta è espresso nella relativa formazione rimica-rigogliosa della struttura e della formazione di saponine. Come mediatore, la mercorella collega l’oscurità e la luce, lo stato liquido e lo stato gassoso, il terrestre e il cosmico. Lo sviluppo delle ramificazioni della mercorella canina ricostruisce internamente il legame con le forze terrestri, mentre lo sviluppo abbondante e rigoglioso delle foglie è una espressione delle forze eteree. A livello materiale le saponine mantengono l’equilibrio e hanno un effetto di armonizzante. L’acqua è una parte importante dello sviluppo della mercorella canina, trova la sua espressione nello sviluppo rigoglioso delle foglie ed è il mediatore tra la dimensione terrestre e la dimensione aerea. Senza l’acqua – senza un centro – la pianta non può sopravvivere.

♦♦♦♦