Dr. Hauschka

Cipolla

Sinonimo: Scalogno
Nome botanico: Allium cepa L.
Famiglia: Alliaceae (famiglia della Cipolla)

Habitat originario

Le steppe dell’Asia occidentale e centrale, probabilmente dall’Afghanistan

Ingredienti

Alliina, allicina, polisolfuri, ossido di propandiale, vitamine, flavonoidi nella pelle della cipolla

Descrizione

Le cipolle sono così ubiquitarie nella nostra cucina che spesso dimentichiamo che è un ortaggio con la capacità di crescere e fiorire. Probabilmente pochi sono consapevoli che trattasi anche di pianta medicinale. La cipolla da giardino con la sua membrana esterna secca originariamente bruna, ma in specie coltivate qualche volta bianca o rossa, si può trovare in ogni casa – dove qualche volta viene conservata tanto a lungo da produrre verdi germogli. Noi gustiamo questi germogli come le foglie tubolari delle cipolle primaverili Da Giugno ad Agosto del secondo anno di coltivazione, le cipolle presentano all’apice un’infiorescenza di forma sferica con tanti piccoli fiorellini bianco-verdastri. Queste infiorescenze oscillano su fusti che possono raggiungere un’altezza che varia dai 50 ai 120 cm. I vari strati della cipolla sono di fatto foglie trasformate in organi di riserva.Solo la parte inferiore del bulbo, la base tonda dalla quale cresce la radice, è ancora parte del fusto. Quando la cipolla germoglia la parte superiore degli strati cresce e cambia la forma che fuoriesce dal terreno.

Usi

Le cipolle fresche non danno solo un buon sapore ai cibi. I componenti a base di zolfo hanno proprietà antimicrobiche e antivirali e rinforzano le difese immunitarie.Contrastano il colesterolo nel sangue e contribuiscono ad abbassare la pressione sanguigna riducendo la formazione di emboli.
Le cipolle hanno proprietà espettoranti, stimolano le secrezioni, aiutano la digestione, risvegliano l’appetito e facilitano la cicatrizzazione delle ferite. Aiutano a prevenire l’influenza, raffreddori, faringiti ed a calmare la tosse. La medicina omeopatica utilizza il concentrato di cipolla, efficace nel trattamento delle otiti, dei numerosi sintomi di malattie da raffreddamento, asma e bronchite senile.. E’ efficace anche nel trattamento dei reumatismi. Sperimentati rimedi domestici contro raffreddore e tosse sono cucchiai di cipolla cruda a cubetti con miele, e sciroppo di cipolle ottenuto facendo bollire con lo zucchero le cipolle tagliate a cubetti. Impacchi e compresse di cipolla cruda a cubetti sono efficaci contro quasi tutte le patologie infiammatorie, incluso sinusite, ascessi , foruncoli, tonsilliti e polmonite così come otiti. Una cipolla fresca tagliata a metà su una puntura di insetto lenirà i sintomi.

Fatti interessanti

L’origine del nome botanico Allium è sconosciuta. Il termine probabilmente deriva dalla lingua degli abitanti originari dell’Italia Meridionale, i Messapii. Oggi, poche tracce rimangono di questa lingua. L’epiteto scientifico Cepa deriva dal Latino = cipolla. Si pensa che anche la parola Inglese onion derivi dal Latino: il termine unio in origine si riferiva ad una specie particolare di cipolla simile alla perla.

Si hanno prove dell’utilizzo della cipolla sia in medicina che come aroma e ortaggio da oltre 5000 anni nella sua nativa Asia. Nei primi anni dell’Era Neolitica arrivò in Cina e in India, dove era considerata un potente protettivo contro le malattie infettive. In Cina la cipolla è sinonimo di intelligenza. Lì le levatrici toccano la testa dei neonati con una cipolla per assicurare loro l’ingegnosità.
Gli Egiziani offrivano le cipolle in sacrificio agli dei, con esse alimentavano gli schiavi che costruivano le piramidi e le mettevano nei sarcofaghi come sostentamento per i morti durante il viaggio per l’eternità. Si pensava che la crescita delle cipolle fosse in relazione con le fasi della luna. I sacerdoti le dedicavano alla dea Iside, signora dei cicli della luna e delle donne e protettrice dell’acqua della vita. Si pensava che la cipolla avesse anche proprietà afrodisiache – il termine usato per indicare i testicoli in Egiziano Antico è lo stesso di quello usato per indicare la cipolla.

Nelle steppe nordamericane gli indigeni raccoglievano cipolle selvatiche come verdure e li usavano per scopi terapeutici. ‘Chicago’ può essere tradotta “ luogo della cipolla selvatica”.

I Romani portarono la cipolla in Europa probabilmente dall’Asia, diffondendone la coltivazione nel corso delle loro campagne militari. Tuttavia consideravano questo ortaggio cibo per poveri e nei migliori ambienti era disprezzata per il suo odore. Nonostante ciò, la cipolla diventò uno degli ortaggi più comuni in Europa. Nel 15° secolo gli Olandesi cominciarono a coltivarne diverse varietà differenti per forma, colore e aroma.
Molti miti e leggende circondano la cipolla. Le si attribuiva la capacità di intrappolare i veleni ,il male ed i poteri occulti e tenendoli in tal modo lontano dagli esseri umani. Ovunque in Europa esisteva l’usanza di appendere le cipolle nelle case, nelle stalle, sui letti degli infermi o indossarle come amuleti. Si credeva proteggessero dalle malattie, dai demoni e dagli occhi invidiosi.

Alcuni provarono ad usare le cipolle per predire il futuro. Si tagliava una cipolla e dai suoi strati si formavano 12 coppette. Queste venivano cosparse di sale e messe fuori la vigilia di Natale o Capodanno per formare il calendario di cipolla . Ciascuna coppetta rappresentava un mese dell’anno. La quantità d’acqua raccolta nelle coppette il giorno seguente avrebbe indicato la quantità di pioggia che sarebbe caduta nel mese corrispondente. Le ragazze che desideravano sposarsi collocavano in sala, tra Natale e l’Epifania, una cipolla per ciascun possibile pretendente. . Se una avesse messo i germogli, si sarebbe sposata entro l’anno.

Perché le cipolle ci fanno piangere? Quando le tagliamo, rilasciano ossido di propandiale. Un enzima nelle cellule produce questo composto sulfureo non appena si intacca la cipolla. Allo stato selvatico questo intelligente meccanismo protegge efficacemente la pianta dagli animali che vorrebbero cibarsene.

I cuochi che cucinano la carne non apprezzano le cipolle soltanto per il loro aroma. Il marinare per una notte la carne dura in una mistura di olio e succo di cipolla la rende perfettamente tenera.

♦♦♦♦